(Italiano) La storia del Novello a Montalcino

Tempo di Novello, per oggi, infatti, è previsto l’ingresso nei mercati di quello che rappresenta, da sempre, il primo prodotto dell’annata, da poter degustare e apprezzare. E tempo anche per Montalicino, analizzare la storia di questo prodotto sul territorio. Se è vero che il Novello rappresenta il primo banco di prova per l’annata appena vendemmiata, la sua caratteristica, che lo distingue dal vino nuovo in genere, è la particolare vinificazione. Si chiama macerazione carbonica e consiste nel mettere grappoli di uva interi, intatti, non diraspati, per un tempo variabile da qualche ora a più giorni, dentro un serbatoio ermetico saturo di anidride carbonica. Il vino ottenuto con questa tecnica è caratterizzato da sentori fruttati, da morbidezza ed armonia di gusto. Normalmente si ottengono vini con livelli tannici molto bassi, subito pronti da bere, privi della struttura necessaria per l’invecchiamento che compete al Brunello. Ma se oggi, in un periodo di crisi per questo tipo di prodotto, a Montalcino, resta solo la Castello Banfi a produrre il suo Novello (Santa Costanza), fin dagli anni ’70 – prima addirittura che venisse disciplinato in Italia con il Decreto Ministeriale 6/10/1989 – alcune delle grandi cantine del territorio ne producevano una propria etichetta. Inizia Col d’Orcia con il suo Novembrino, seguito poi, nel 1982 da Castello Banfi, da Antinori con il San Giocondo e da Frescobaldi con il Dicembrino. Una tipologia di vino che forse non ha più molto appeal tra gli enoappassionati e destinata probabilemente a lasciare spazio ad altre produzioni ma un modo di fare vino, in un territorio che di vino se ne intende e che ha sempre fatto dell’enologia la sua forza, che deve essere ricordato perchè parte della storia che ha reso grande Montalcino.

(Italiano) Al Merano WineFestival 2015 per degustare Brunello

Un evento che, nato nel 1992 è ormai divenuto un appuntamento imperdibile per le eccellenze enoiche di tutto il mondo e per i winelovers che cercano prodotti sopraffini per i loro palati. Il Merano WineFestival (5-10 novembre 2015), ogni anno, propone informazione, cultura e mondanità del vino, riunite al Kurhaus, il palazzo liberty situato nel centro di Merano, la perla turistica dell’arco alpino. Oltre 500 aziende vinicole selezionate tra nazionali ed internazionali, e, tra le etichette del Belpaese ben 22 sono di Montalcino che, per l’edizione 2015, hanno scelto Merano come vetrina: da Biondi Santi a Castello Banfi, da Caparzo a Castiglion del Bosco, da Col d’Orcia a Cupano, da Donatella Cinelli Colombini a Fuligni, da Il Marroneto a La Fiorita, da La Gerla a Le Macioche, da Lisini a Marchesi de’ Frescobaldi, da Mastrojanni a Poggio Antico, da Poggio di Sotto a Poggio San Polo, da Roberto Cipresso a Tenuta Luce della Vite, da Tenuta San Giorgio a Tenute Silvio Nardi. Una vera e propria scorpacciata di Brunello per tutti i gusti e tutti i palati.

Focus – Le cantine di Montalcino presenti al Merano WineFestival 2015
Biondi Santi Jacopo

Brunello di Montalcino 2010
Brunello di Montalcino Riserva 2008
Rosso di Montalcino 2011
Castello Banfi
Aska Bolgheri Rosso 2012
Brunello di Montalcino Riserva Poggio alle Mura 2009
Brunello di Montalcino Poggio alle Mura 2010
Borgo Scopeto e Caparzo
Ca’ del Pazzo Rosso Toscana 2010
Misciano Chianti Classico Riserva 2011
Castiglion del Bosco
Brunello di Montalcino Campo del Drago 2010
Prima Pietra Rosso Toscana 2011
Col D’Orcia
Brunello di Montalcino 2010
Brunello di Montalcino Poggio al Vento Riserva 2001
Cupano
Brunello di Montalcino Riserva 2009
Brunello di Montalcino 2010
Donatella Cinelli Colombini
Brunello di Montalcino Progetto Prime Donne 2010
Fuligni
Brunello di Montalcino Riserva 2010
Brunello di Montalcino 2011
Il Marroneto
Brunello di Montalcino selezione Madonna Delle Grazie 2010
Brunello di Montalcino 2010
La Fiorita
Brunello di Montalcino 2010
La Gerla
Brunello di Montalcino 2010
Birba Toscana Rosso 2012
Le Macioche
Brunello di Montalcino 2010
Rosso di Montalcino 2013
Lisini
Brunello di Montalcino Ugolaia 2009
Brunello di Montalcino Riserva 2009
Marchesi de’ Frescobaldi
Mormoreto Toscana Rosso 2012
Montesodi Chianti Rufina 2012
Benefizio Pomino Bianco Riserva 2013
Mastrojanni
Brunello di Montalcino Vigna Loreto 2010
Brunello di Montalcino 2010
Poggio Antico
Brunello di Montalcino 2009
Madre Toscana Rosso 2009
Poggio Di Sotto – Collemassari
Brunello di Montalcino 2010
Rosso di Montalcino 2011
Poggio San Polo
Brunello di Montalcino Riserva 2010
Brunello di Montalcino 2010
Roberto Cipresso
Pigreco Rosso Toscana 2012
La Quadratura Vino Rosso d’Italia 2010
Tenuta Luce della Vite
Luce Toscana 2012
Lucente Toscana 2013
Luce Brunello di Montalcino 2010
Tenuta San Giorgio
Brunello di Montalcino Ugolforte 2010
Rosso di Montalcino Ciampoleto 2013
Tenute Silvio Nardi
Brunello di Montalcino Poggio d’Oria 2010
Brunello di Montalcino Manachiara 2010

(Italiano) “Barolo Brunello” una due giorni con i giganti dell’enologia italiana

Una degustazione unica “Barolo Brunello”, nata dall’incontro dei due giganti dell’enologia italiana e destinata, dopo l’inizio esplosivo dello scorso anno, a prendere i contorni di una tradizione tanto che è già in preparazione l’edizione 2016 che prevede un cambio di scenario. Dal suggestivo Castello di Barolo, infatti, il prossimo anno la kermesse si sposterà in Toscana e troverà una nuova location nello scenario mozzafiato di Montalcino.
Con questo incontro, a cui partecipano in prima persona gran parte dei produttori, si sottolinea una volta di più lo strettissimo rapporto che esiste tra il lavoro dell’uomo, la storia delle famiglie e il loro territorio. E stiamo parlando di eccellenze conosciute non solo entro i confini italiani ma apprezzate soprattutto a livello globale.
Il programma delle due giornate si snoda in diversi momenti.
La degustazione è libera: più di 30 produttori presenti nei tavoli di degustazione a cui potranno accedere i 400 enoappassionati che avranno la fortuna di trovare il biglietto.
Ogni partecipante potrà scegliere liberamente quali vini assaggiare.
Queste le aziende vitivinicole che hanno confermato la partecipazione: G. Alessandria, Boroli, Cavallotto, Ceretto, Chiarlo, Comm.G.B.Burlotto, Giuseppe Rinaldi, Marengo, Massolino, Principiano, Rivetto, Vajra, Roberto Voerzio, Scarzello, Vietti. E Altesino, Baricci, Canalicchio di Sopra, Capanna, Caprili, Casanova di Neri, Col D’Orcia-Il Marroneto, Pederi Salicutti, Il Poggione, Le Potazzine, La Mannella, Lisini, Mastrojanni, Poggio di Sotto, Talenti, Uccelliera.

Focus – Il Programma
Venerdì 13 novembre 2015

Castello Comunale di Barolo – 14.00 alle 19.00 – Ingresso 40 euro
Apertura della manifestazione.
Degustazione di tutte le selezionate cantine partecipanti che presenteranno i loro vini. Ai tavoli di assaggio i vini saranno serviti dai produttori.

Moda Wine Restaurant – Monforte d’Alba – ore 20.30 – Ingresso 110 euro
Cena di Gala con i produttori Palazzo Martinengo
I fantastici piatti del Ristorante Moda saranno accompagnati da annate e etichette speciali di Barolo e di Brunello non disponibili in degustazione nel salone di barolobrunello 2015. Posti limitati!

Aperitivo
formaggi
patè di fagiano con tartufo bianco
nocciole tostate dop
salsiccia di Bra e grissini

Cena di Gala
Vitello tonnato cotto a bassa temperatura, crema di tonno e capperi, granella di nocciola dop
Plin con fondo bruno e nocciole dop
Scaloppa con panatura di nocciola dop e giardino di verdure
Torta di nocciole dop e zabaione
Magnum di torrone Sebaste

Saranno servite imperdibili annate di Barolo e Brunello dei produttori di barolobrunello 2015

Sabato 14 novembre 2015
Castello Comunale di Barolo – 10.00 alle 15.30 – Ingresso 40 euro
Degustazione di tutte le selezionate cantine partecipanti che presenteranno i loro vini. Ai tavoli di assaggio i vini saranno serviti dai produttori.

Enoteca Regionale del Barolo – 17.30 alle 19.00 – Ingresso 100 euro
Degustazione verticale tra “i Giganti del Vino” condotta da Luca Gardini che metterà a confronto due grandi produttori di Barolo e di Montalcino:
Elvio Cogno – Casanova di Neri – 30 posti disponibili

Elvio Cogno
Barolo riserva Vigna Elena

2007
2006
2004
2003
1999
Casanova di Neri
Brunello di Montalcino Tenuta Nuova

2010
2009
2007
2004
1999

Una degustazione unica “Barolo Brunello”, nata dall’incontro dei due giganti dell’enologia italiana e destinata, dopo l’inizio esplosivo dello scorso anno, a prendere i contorni di una tradizione tanto che è già in preparazione l’edizione 2016 che prevede un cambio di scenario. Dal suggestivo Castello di Barolo, infatti, il prossimo anno la kermesse si sposterà in Toscana e troverà una nuova location nello scenario mozzafiato di Montalcino.
Con questo incontro, a cui partecipano in prima persona gran parte dei produttori, si sottolinea una volta di più lo strettissimo rapporto che esiste tra il lavoro dell’uomo, la storia delle famiglie e il loro territorio. E stiamo parlando di eccellenze conosciute non solo entro i confini italiani ma apprezzate soprattutto a livello globale.
Il programma delle due giornate si snoda in diversi momenti.
La degustazione è libera: più di 30 produttori presenti nei tavoli di degustazione a cui potranno accedere i 400 enoappassionati che avranno la fortuna di trovare il biglietto.
Ogni partecipante potrà scegliere liberamente quali vini assaggiare.
Queste le aziende vitivinicole che hanno confermato la partecipazione: G. Alessandria, Boroli, Cavallotto, Ceretto, Chiarlo, Comm.G.B.Burlotto, Giuseppe Rinaldi, Marengo, Massolino, Principiano, Rivetto, Vajra, Roberto Voerzio, Scarzello, Vietti. E Altesino, Baricci, Canalicchio di Sopra, Capanna, Caprili, Casanova di Neri, Col D’Orcia-Il Marroneto, Pederi Salicutti, Il Poggione, Le Potazzine, La Mannella, Lisini, Mastrojanni, Poggio di Sotto, Talenti, Uccelliera.

Focus – Il Programma
Venerdì 13 novembre 2015

Castello Comunale di Barolo – 14.00 alle 19.00 – Ingresso 40 euro
Apertura della manifestazione.
Degustazione di tutte le selezionate cantine partecipanti che presenteranno i loro vini. Ai tavoli di assaggio i vini saranno serviti dai produttori.

Moda Wine Restaurant – Monforte d’Alba – ore 20.30 – Ingresso 110 euro
Cena di Gala con i produttori Palazzo Martinengo
I fantastici piatti del Ristorante Moda saranno accompagnati da annate e etichette speciali di Barolo e di Brunello non disponibili in degustazione nel salone di barolobrunello 2015. Posti limitati!

Aperitivo
formaggi
patè di fagiano con tartufo bianco
nocciole tostate dop
salsiccia di Bra e grissini

Cena di Gala
Vitello tonnato cotto a bassa temperatura, crema di tonno e capperi, granella di nocciola dop
Plin con fondo bruno e nocciole dop
Scaloppa con panatura di nocciola dop e giardino di verdure
Torta di nocciole dop e zabaione
Magnum di torrone Sebaste

Saranno servite imperdibili annate di Barolo e Brunello dei produttori di barolobrunello 2015

Sabato 14 novembre 2015
Castello Comunale di Barolo – 10.00 alle 15.30 – Ingresso 40 euro
Degustazione di tutte le selezionate cantine partecipanti che presenteranno i loro vini. Ai tavoli di assaggio i vini saranno serviti dai produttori.

Enoteca Regionale del Barolo – 17.30 alle 19.00 – Ingresso 100 euro
Degustazione verticale tra “i Giganti del Vino” condotta da Luca Gardini che metterà a confronto due grandi produttori di Barolo e di Montalcino:
Elvio Cogno – Casanova di Neri – 30 posti disponibili

Elvio Cogno
Barolo riserva Vigna Elena

2007
2006
2004
2003
1999
Casanova di Neri
Brunello di Montalcino Tenuta Nuova

2010
2009
2007
2004
1999

Una degustazione unica “Barolo Brunello”, nata dall’incontro dei due giganti dell’enologia italiana e destinata, dopo l’inizio esplosivo dello scorso anno, a prendere i contorni di una tradizione tanto che è già in preparazione l’edizione 2016 che prevede un cambio di scenario. Dal suggestivo Castello di Barolo, infatti, il prossimo anno la kermesse si sposterà in Toscana e troverà una nuova location nello scenario mozzafiato di Montalcino.
Con questo incontro, a cui partecipano in prima persona gran parte dei produttori, si sottolinea una volta di più lo strettissimo rapporto che esiste tra il lavoro dell’uomo, la storia delle famiglie e il loro territorio. E stiamo parlando di eccellenze conosciute non solo entro i confini italiani ma apprezzate soprattutto a livello globale.
Il programma delle due giornate si snoda in diversi momenti.
La degustazione è libera: più di 30 produttori presenti nei tavoli di degustazione a cui potranno accedere i 400 enoappassionati che avranno la fortuna di trovare il biglietto.
Ogni partecipante potrà scegliere liberamente quali vini assaggiare.
Queste le aziende vitivinicole che hanno confermato la partecipazione: G. Alessandria, Boroli, Cavallotto, Ceretto, Chiarlo, Comm.G.B.Burlotto, Giuseppe Rinaldi, Marengo, Massolino, Principiano, Rivetto, Vajra, Roberto Voerzio, Scarzello, Vietti. E Altesino, Baricci, Canalicchio di Sopra, Capanna, Caprili, Casanova di Neri, Col D’Orcia-Il Marroneto, Pederi Salicutti, Il Poggione, Le Potazzine, La Mannella, Lisini, Mastrojanni, Poggio di Sotto, Talenti, Uccelliera.

Focus – Il Programma
Venerdì 13 novembre 2015

Castello Comunale di Barolo – 14.00 alle 19.00 – Ingresso 40 euro
Apertura della manifestazione.
Degustazione di tutte le selezionate cantine partecipanti che presenteranno i loro vini. Ai tavoli di assaggio i vini saranno serviti dai produttori.

Moda Wine Restaurant – Monforte d’Alba – ore 20.30 – Ingresso 110 euro
Cena di Gala con i produttori Palazzo Martinengo
I fantastici piatti del Ristorante Moda saranno accompagnati da annate e etichette speciali di Barolo e di Brunello non disponibili in degustazione nel salone di barolobrunello 2015. Posti limitati!

Aperitivo
formaggi
patè di fagiano con tartufo bianco
nocciole tostate dop
salsiccia di Bra e grissini

Cena di Gala
Vitello tonnato cotto a bassa temperatura, crema di tonno e capperi, granella di nocciola dop
Plin con fondo bruno e nocciole dop
Scaloppa con panatura di nocciola dop e giardino di verdure
Torta di nocciole dop e zabaione
Magnum di torrone Sebaste

Saranno servite imperdibili annate di Barolo e Brunello dei produttori di barolobrunello 2015

Sabato 14 novembre 2015
Castello Comunale di Barolo – 10.00 alle 15.30 – Ingresso 40 euro
Degustazione di tutte le selezionate cantine partecipanti che presenteranno i loro vini. Ai tavoli di assaggio i vini saranno serviti dai produttori.

Enoteca Regionale del Barolo – 17.30 alle 19.00 – Ingresso 100 euro
Degustazione verticale tra “i Giganti del Vino” condotta da Luca Gardini che metterà a confronto due grandi produttori di Barolo e di Montalcino:
Elvio Cogno – Casanova di Neri – 30 posti disponibili

Elvio Cogno
Barolo riserva Vigna Elena

2007
2006
2004
2003
1999
Casanova di Neri
Brunello di Montalcino Tenuta Nuova

2010
2009
2007
2004
1999

Una degustazione unica “Barolo Brunello”, nata dall’incontro dei due giganti dell’enologia italiana e destinata, dopo l’inizio esplosivo dello scorso anno, a prendere i contorni di una tradizione tanto che è già in preparazione l’edizione 2016 che prevede un cambio di scenario. Dal suggestivo Castello di Barolo, infatti, il prossimo anno la kermesse si sposterà in Toscana e troverà una nuova location nello scenario mozzafiato di Montalcino.
Con questo incontro, a cui partecipano in prima persona gran parte dei produttori, si sottolinea una volta di più lo strettissimo rapporto che esiste tra il lavoro dell’uomo, la storia delle famiglie e il loro territorio. E stiamo parlando di eccellenze conosciute non solo entro i confini italiani ma apprezzate soprattutto a livello globale.
Il programma delle due giornate si snoda in diversi momenti.
La degustazione è libera: più di 30 produttori presenti nei tavoli di degustazione a cui potranno accedere i 400 enoappassionati che avranno la fortuna di trovare il biglietto.
Ogni partecipante potrà scegliere liberamente quali vini assaggiare.
Queste le aziende vitivinicole che hanno confermato la partecipazione: G. Alessandria, Boroli, Cavallotto, Ceretto, Chiarlo, Comm.G.B.Burlotto, Giuseppe Rinaldi, Marengo, Massolino, Principiano, Rivetto, Vajra, Roberto Voerzio, Scarzello, Vietti. E Altesino, Baricci, Canalicchio di Sopra, Capanna, Caprili, Casanova di Neri, Col D’Orcia-Il Marroneto, Pederi Salicutti, Il Poggione, Le Potazzine, La Mannella, Lisini, Mastrojanni, Poggio di Sotto, Talenti, Uccelliera.

Focus – Il Programma
Venerdì 13 novembre 2015

Castello Comunale di Barolo – 14.00 alle 19.00 – Ingresso 40 euro
Apertura della manifestazione.
Degustazione di tutte le selezionate cantine partecipanti che presenteranno i loro vini. Ai tavoli di assaggio i vini saranno serviti dai produttori.

Moda Wine Restaurant – Monforte d’Alba – ore 20.30 – Ingresso 110 euro
Cena di Gala con i produttori Palazzo Martinengo
I fantastici piatti del Ristorante Moda saranno accompagnati da annate e etichette speciali di Barolo e di Brunello non disponibili in degustazione nel salone di barolobrunello 2015. Posti limitati!

Aperitivo
formaggi
patè di fagiano con tartufo bianco
nocciole tostate dop
salsiccia di Bra e grissini

Cena di Gala
Vitello tonnato cotto a bassa temperatura, crema di tonno e capperi, granella di nocciola dop
Plin con fondo bruno e nocciole dop
Scaloppa con panatura di nocciola dop e giardino di verdure
Torta di nocciole dop e zabaione
Magnum di torrone Sebaste

Saranno servite imperdibili annate di Barolo e Brunello dei produttori di barolobrunello 2015

Sabato 14 novembre 2015
Castello Comunale di Barolo – 10.00 alle 15.30 – Ingresso 40 euro
Degustazione di tutte le selezionate cantine partecipanti che presenteranno i loro vini. Ai tavoli di assaggio i vini saranno serviti dai produttori.

Enoteca Regionale del Barolo – 17.30 alle 19.00 – Ingresso 100 euro
Degustazione verticale tra “i Giganti del Vino” condotta da Luca Gardini che metterà a confronto due grandi produttori di Barolo e di Montalcino:
Elvio Cogno – Casanova di Neri – 30 posti disponibili

Elvio Cogno
Barolo riserva Vigna Elena

2007
2006
2004
2003
1999
Casanova di Neri
Brunello di Montalcino Tenuta Nuova

2010
2009
2007
2004
1999

Una degustazione unica “Barolo Brunello”, nata dall’incontro dei due giganti dell’enologia italiana e destinata, dopo l’inizio esplosivo dello scorso anno, a prendere i contorni di una tradizione tanto che è già in preparazione l’edizione 2016 che prevede un cambio di scenario. Dal suggestivo Castello di Barolo, infatti, il prossimo anno la kermesse si sposterà in Toscana e troverà una nuova location nello scenario mozzafiato di Montalcino.
Con questo incontro, a cui partecipano in prima persona gran parte dei produttori, si sottolinea una volta di più lo strettissimo rapporto che esiste tra il lavoro dell’uomo, la storia delle famiglie e il loro territorio. E stiamo parlando di eccellenze conosciute non solo entro i confini italiani ma apprezzate soprattutto a livello globale.
Il programma delle due giornate si snoda in diversi momenti.
La degustazione è libera: più di 30 produttori presenti nei tavoli di degustazione a cui potranno accedere i 400 enoappassionati che avranno la fortuna di trovare il biglietto.
Ogni partecipante potrà scegliere liberamente quali vini assaggiare.
Queste le aziende vitivinicole che hanno confermato la partecipazione: G. Alessandria, Boroli, Cavallotto, Ceretto, Chiarlo, Comm.G.B.Burlotto, Giuseppe Rinaldi, Marengo, Massolino, Principiano, Rivetto, Vajra, Roberto Voerzio, Scarzello, Vietti. E Altesino, Baricci, Canalicchio di Sopra, Capanna, Caprili, Casanova di Neri, Col D’Orcia-Il Marroneto, Pederi Salicutti, Il Poggione, Le Potazzine, La Mannella, Lisini, Mastrojanni, Poggio di Sotto, Talenti, Uccelliera.

Focus – Il Programma
Venerdì 13 novembre 2015

Castello Comunale di Barolo – 14.00 alle 19.00 – Ingresso 40 euro
Apertura della manifestazione.
Degustazione di tutte le selezionate cantine partecipanti che presenteranno i loro vini. Ai tavoli di assaggio i vini saranno serviti dai produttori.

Moda Wine Restaurant – Monforte d’Alba – ore 20.30 – Ingresso 110 euro
Cena di Gala con i produttori Palazzo Martinengo
I fantastici piatti del Ristorante Moda saranno accompagnati da annate e etichette speciali di Barolo e di Brunello non disponibili in degustazione nel salone di barolobrunello 2015. Posti limitati!

Aperitivo
formaggi
patè di fagiano con tartufo bianco
nocciole tostate dop
salsiccia di Bra e grissini

Cena di Gala
Vitello tonnato cotto a bassa temperatura, crema di tonno e capperi, granella di nocciola dop
Plin con fondo bruno e nocciole dop
Scaloppa con panatura di nocciola dop e giardino di verdure
Torta di nocciole dop e zabaione
Magnum di torrone Sebaste

Saranno servite imperdibili annate di Barolo e Brunello dei produttori di barolobrunello 2015

Sabato 14 novembre 2015
Castello Comunale di Barolo – 10.00 alle 15.30 – Ingresso 40 euro
Degustazione di tutte le selezionate cantine partecipanti che presenteranno i loro vini. Ai tavoli di assaggio i vini saranno serviti dai produttori.

Enoteca Regionale del Barolo – 17.30 alle 19.00 – Ingresso 100 euro
Degustazione verticale tra “i Giganti del Vino” condotta da Luca Gardini che metterà a confronto due grandi produttori di Barolo e di Montalcino:
Elvio Cogno – Casanova di Neri – 30 posti disponibili

Elvio Cogno
Barolo riserva Vigna Elena

2007
2006
2004
2003
1999
Casanova di Neri
Brunello di Montalcino Tenuta Nuova

2010
2009
2007
2004
1999

Una degustazione unica “Barolo Brunello”, nata dall’incontro dei due giganti dell’enologia italiana e destinata, dopo l’inizio esplosivo dello scorso anno, a prendere i contorni di una tradizione tanto che è già in preparazione l’edizione 2016 che prevede un cambio di scenario. Dal suggestivo Castello di Barolo, infatti, il prossimo anno la kermesse si sposterà in Toscana e troverà una nuova location nello scenario mozzafiato di Montalcino.
Con questo incontro, a cui partecipano in prima persona gran parte dei produttori, si sottolinea una volta di più lo strettissimo rapporto che esiste tra il lavoro dell’uomo, la storia delle famiglie e il loro territorio. E stiamo parlando di eccellenze conosciute non solo entro i confini italiani ma apprezzate soprattutto a livello globale.
Il programma delle due giornate si snoda in diversi momenti.
La degustazione è libera: più di 30 produttori presenti nei tavoli di degustazione a cui potranno accedere i 400 enoappassionati che avranno la fortuna di trovare il biglietto.
Ogni partecipante potrà scegliere liberamente quali vini assaggiare.
Queste le aziende vitivinicole che hanno confermato la partecipazione: G. Alessandria, Boroli, Cavallotto, Ceretto, Chiarlo, Comm.G.B.Burlotto, Giuseppe Rinaldi, Marengo, Massolino, Principiano, Rivetto, Vajra, Roberto Voerzio, Scarzello, Vietti. E Altesino, Baricci, Canalicchio di Sopra, Capanna, Caprili, Casanova di Neri, Col D’Orcia-Il Marroneto, Pederi Salicutti, Il Poggione, Le Potazzine, La Mannella, Lisini, Mastrojanni, Poggio di Sotto, Talenti, Uccelliera.

Focus – Il Programma
Venerdì 13 novembre 2015

Castello Comunale di Barolo – 14.00 alle 19.00 – Ingresso 40 euro
Apertura della manifestazione.
Degustazione di tutte le selezionate cantine partecipanti che presenteranno i loro vini. Ai tavoli di assaggio i vini saranno serviti dai produttori.

Moda Wine Restaurant – Monforte d’Alba – ore 20.30 – Ingresso 110 euro
Cena di Gala con i produttori Palazzo Martinengo
I fantastici piatti del Ristorante Moda saranno accompagnati da annate e etichette speciali di Barolo e di Brunello non disponibili in degustazione nel salone di barolobrunello 2015. Posti limitati!

Aperitivo
formaggi
patè di fagiano con tartufo bianco
nocciole tostate dop
salsiccia di Bra e grissini

Cena di Gala
Vitello tonnato cotto a bassa temperatura, crema di tonno e capperi, granella di nocciola dop
Plin con fondo bruno e nocciole dop
Scaloppa con panatura di nocciola dop e giardino di verdure
Torta di nocciole dop e zabaione
Magnum di torrone Sebaste

Saranno servite imperdibili annate di Barolo e Brunello dei produttori di barolobrunello 2015

Sabato 14 novembre 2015
Castello Comunale di Barolo – 10.00 alle 15.30 – Ingresso 40 euro
Degustazione di tutte le selezionate cantine partecipanti che presenteranno i loro vini. Ai tavoli di assaggio i vini saranno serviti dai produttori.

Enoteca Regionale del Barolo – 17.30 alle 19.00 – Ingresso 100 euro
Degustazione verticale tra “i Giganti del Vino” condotta da Luca Gardini che metterà a confronto due grandi produttori di Barolo e di Montalcino:
Elvio Cogno – Casanova di Neri – 30 posti disponibili

Elvio Cogno
Barolo riserva Vigna Elena

2007
2006
2004
2003
1999
Casanova di Neri
Brunello di Montalcino Tenuta Nuova

2010
2009
2007
2004
1999

Una degustazione unica “Barolo Brunello”, nata dall’incontro dei due giganti dell’enologia italiana e destinata, dopo l’inizio esplosivo dello scorso anno, a prendere i contorni di una tradizione tanto che è già in preparazione l’edizione 2016 che prevede un cambio di scenario. Dal suggestivo Castello di Barolo, infatti, il prossimo anno la kermesse si sposterà in Toscana e troverà una nuova location nello scenario mozzafiato di Montalcino.
Con questo incontro, a cui partecipano in prima persona gran parte dei produttori, si sottolinea una volta di più lo strettissimo rapporto che esiste tra il lavoro dell’uomo, la storia delle famiglie e il loro territorio. E stiamo parlando di eccellenze conosciute non solo entro i confini italiani ma apprezzate soprattutto a livello globale.
Il programma delle due giornate si snoda in diversi momenti.
La degustazione è libera: più di 30 produttori presenti nei tavoli di degustazione a cui potranno accedere i 400 enoappassionati che avranno la fortuna di trovare il biglietto.
Ogni partecipante potrà scegliere liberamente quali vini assaggiare.
Queste le aziende vitivinicole che hanno confermato la partecipazione: G. Alessandria, Boroli, Cavallotto, Ceretto, Chiarlo, Comm.G.B.Burlotto, Giuseppe Rinaldi, Marengo, Massolino, Principiano, Rivetto, Vajra, Roberto Voerzio, Scarzello, Vietti. E Altesino, Baricci, Canalicchio di Sopra, Capanna, Caprili, Casanova di Neri, Col D’Orcia-Il Marroneto, Pederi Salicutti, Il Poggione, Le Potazzine, La Mannella, Lisini, Mastrojanni, Poggio di Sotto, Talenti, Uccelliera.

Focus – Il Programma
Venerdì 13 novembre 2015

Castello Comunale di Barolo – 14.00 alle 19.00 – Ingresso 40 euro
Apertura della manifestazione.
Degustazione di tutte le selezionate cantine partecipanti che presenteranno i loro vini. Ai tavoli di assaggio i vini saranno serviti dai produttori.

Moda Wine Restaurant – Monforte d’Alba – ore 20.30 – Ingresso 110 euro
Cena di Gala con i produttori Palazzo Martinengo
I fantastici piatti del Ristorante Moda saranno accompagnati da annate e etichette speciali di Barolo e di Brunello non disponibili in degustazione nel salone di barolobrunello 2015. Posti limitati!

Aperitivo
formaggi
patè di fagiano con tartufo bianco
nocciole tostate dop
salsiccia di Bra e grissini

Cena di Gala
Vitello tonnato cotto a bassa temperatura, crema di tonno e capperi, granella di nocciola dop
Plin con fondo bruno e nocciole dop
Scaloppa con panatura di nocciola dop e giardino di verdure
Torta di nocciole dop e zabaione
Magnum di torrone Sebaste

Saranno servite imperdibili annate di Barolo e Brunello dei produttori di barolobrunello 2015

Sabato 14 novembre 2015
Castello Comunale di Barolo – 10.00 alle 15.30 – Ingresso 40 euro
Degustazione di tutte le selezionate cantine partecipanti che presenteranno i loro vini. Ai tavoli di assaggio i vini saranno serviti dai produttori.

Enoteca Regionale del Barolo – 17.30 alle 19.00 – Ingresso 100 euro
Degustazione verticale tra “i Giganti del Vino” condotta da Luca Gardini che metterà a confronto due grandi produttori di Barolo e di Montalcino:
Elvio Cogno – Casanova di Neri – 30 posti disponibili

Elvio Cogno
Barolo riserva Vigna Elena

2007
2006
2004
2003
1999
Casanova di Neri
Brunello di Montalcino Tenuta Nuova

2010
2009
2007
2004
1999

(Italiano) Montalcino’s Best Estates by Tim Atkin

“La vendemmia 2010 a Montalcino è stata una delle migliori della memoria recente, e merita pienamente sia le 5 stelle che le sono state attribuite dal Conzorzio del Vino Brunello di Montalcino, sia il plauso della critica. Ma, come sempre accade nella più importante zona vinicola della Toscana, la qualità è tuto tranne che uniforme, non solo a causa delle differenze climatiche tra sottozone ma soprattutto grazie alla mano dell’uomo”. Così Tim Atkin, …, nella sua classifica annuale delle migliori etichette di Brunello di Montalcino.
Focus – Le etichette premiate
First Growths

Case Basse (Gianfranco Soldera)
Cerbaiona
Lisini
Pian dell’Orino
Poggio di Sotto
Salvioni
Stella di Campalto
Second Growths
Altesino
Biondi Santi
Caparzo
Collemattoni
Costanti
Fuligni
Gianni Brunelli
Il Paradiso di Frassina
Le Ragnaie
Mastrojanni
Pieve Santa Restituta (Gaja)
Salicutti
Siro Pacenti
Valdicava
Third Growths
Barbi
Campogiovanni
Canalicchio (Franco Pacenti)
Casanova di Neri
Ciacci Piccolomini
Fornacella
Fornacina
La Fiorita
Le Chiuse
Le Gode
Le Potazzine (Gorelli)
Poggio Antico
San Polino
Terralsole
Fourth Growths
Canalicchio di Sopra
Capanna
Casa Raia
Castelgiocondo (Frescobaldi)
Col d’Orcia
Collosorbo
Il Poggione
La Gerla
La Magia
Lambardi
Paradisone
Pian delle Vigne
Podere Le Ripi
Querce Bettina
San Polo
Sassodisole
Sesta di Sopra
Sesti
Terre Nere
Fifth Growths
Abbadia Ardenga
Argiano
Corte dei Venti
Crocedimezzo
Fattoi
Grazia
Greppone Mazzi-Ruffino
Il Marroneto
Il Palazzone
La Melina
La Torre
La Velona
Mocali
San Giacomo
Talenti
Tenute del Cerro
Tenuta di Sesta
Tenute Silvio Nardi
Uccelliera
Val di Suga
Ventolaio
Villa I Cipressi
Crus Bourgeois
Albatreti
Agostina Pieri
Agricola Centolani
Banfi
Bartolo Giusti
Belpoggio
Bonacchi
Campi di Fonterenza
Capanne Ricci
Caprili
Castello Romitorio
Castiglion del Bosco
Cerbaia
Collina del Sole
Cordella
Cupano
Donatella Cinelli
Fanti
Fossacolle
Il Colle
La Fortuna
La Lecciaia
La Mannella
La Poderina
La Serena
Loacker (Corte Pavone)
Luce
Il Poggiolo
Madonna Nera
Máté
Piancornello
Pieve
Piombaia
Podere Brizio
Podere San Giacomo
Poggio Celsi
Poggio Il Castellare
Quercecchio
Renieri
San Filippo
Santa Giulia
Santa Lucia
Scopetone
Scopone
Tassi
Tenuta Buon Tempo
Tenuta La Fuga
Tenuta San Giorgio
Vigni Italiani da Sogno
Villa Le Prata

“La vendemmia 2010 a Montalcino è stata una delle migliori della memoria recente, e merita pienamente sia le 5 stelle che le sono state attribuite dal Conzorzio del Vino Brunello di Montalcino, sia il plauso della critica. Ma, come sempre accade nella più importante zona vinicola della Toscana, la qualità è tuto tranne che uniforme, non solo a causa delle differenze climatiche tra sottozone ma soprattutto grazie alla mano dell’uomo”. Così Tim Atkin, …, nella sua classifica annuale delle migliori etichette di Brunello di Montalcino.
Focus – Le etichette premiate
First Growths

Case Basse (Gianfranco Soldera)
Cerbaiona
Lisini
Pian dell’Orino
Poggio di Sotto
Salvioni
Stella di Campalto
Second Growths
Altesino
Biondi Santi
Caparzo
Collemattoni
Costanti
Fuligni
Gianni Brunelli
Il Paradiso di Frassina
Le Ragnaie
Mastrojanni
Pieve Santa Restituta (Gaja)
Salicutti
Siro Pacenti
Valdicava
Third Growths
Barbi
Campogiovanni
Canalicchio (Franco Pacenti)
Casanova di Neri
Ciacci Piccolomini
Fornacella
Fornacina
La Fiorita
Le Chiuse
Le Gode
Le Potazzine (Gorelli)
Poggio Antico
San Polino
Terralsole
Fourth Growths
Canalicchio di Sopra
Capanna
Casa Raia
Castelgiocondo (Frescobaldi)
Col d’Orcia
Collosorbo
Il Poggione
La Gerla
La Magia
Lambardi
Paradisone
Pian delle Vigne
Podere Le Ripi
Querce Bettina
San Polo
Sassodisole
Sesta di Sopra
Sesti
Terre Nere
Fifth Growths
Abbadia Ardenga
Argiano
Corte dei Venti
Crocedimezzo
Fattoi
Grazia
Greppone Mazzi-Ruffino
Il Marroneto
Il Palazzone
La Melina
La Torre
La Velona
Mocali
San Giacomo
Talenti
Tenute del Cerro
Tenuta di Sesta
Tenute Silvio Nardi
Uccelliera
Val di Suga
Ventolaio
Villa I Cipressi
Crus Bourgeois
Albatreti
Agostina Pieri
Agricola Centolani
Banfi
Bartolo Giusti
Belpoggio
Bonacchi
Campi di Fonterenza
Capanne Ricci
Caprili
Castello Romitorio
Castiglion del Bosco
Cerbaia
Collina del Sole
Cordella
Cupano
Donatella Cinelli
Fanti
Fossacolle
Il Colle
La Fortuna
La Lecciaia
La Mannella
La Poderina
La Serena
Loacker (Corte Pavone)
Luce
Il Poggiolo
Madonna Nera
Máté
Piancornello
Pieve
Piombaia
Podere Brizio
Podere San Giacomo
Poggio Celsi
Poggio Il Castellare
Quercecchio
Renieri
San Filippo
Santa Giulia
Santa Lucia
Scopetone
Scopone
Tassi
Tenuta Buon Tempo
Tenuta La Fuga
Tenuta San Giorgio
Vigni Italiani da Sogno
Villa Le Prata

“La vendemmia 2010 a Montalcino è stata una delle migliori della memoria recente, e merita pienamente sia le 5 stelle che le sono state attribuite dal Conzorzio del Vino Brunello di Montalcino, sia il plauso della critica. Ma, come sempre accade nella più importante zona vinicola della Toscana, la qualità è tuto tranne che uniforme, non solo a causa delle differenze climatiche tra sottozone ma soprattutto grazie alla mano dell’uomo”. Così Tim Atkin, …, nella sua classifica annuale delle migliori etichette di Brunello di Montalcino.
Focus – Le etichette premiate
First Growths

Case Basse (Gianfranco Soldera)
Cerbaiona
Lisini
Pian dell’Orino
Poggio di Sotto
Salvioni
Stella di Campalto
Second Growths
Altesino
Biondi Santi
Caparzo
Collemattoni
Costanti
Fuligni
Gianni Brunelli
Il Paradiso di Frassina
Le Ragnaie
Mastrojanni
Pieve Santa Restituta (Gaja)
Salicutti
Siro Pacenti
Valdicava
Third Growths
Barbi
Campogiovanni
Canalicchio (Franco Pacenti)
Casanova di Neri
Ciacci Piccolomini
Fornacella
Fornacina
La Fiorita
Le Chiuse
Le Gode
Le Potazzine (Gorelli)
Poggio Antico
San Polino
Terralsole
Fourth Growths
Canalicchio di Sopra
Capanna
Casa Raia
Castelgiocondo (Frescobaldi)
Col d’Orcia
Collosorbo
Il Poggione
La Gerla
La Magia
Lambardi
Paradisone
Pian delle Vigne
Podere Le Ripi
Querce Bettina
San Polo
Sassodisole
Sesta di Sopra
Sesti
Terre Nere
Fifth Growths
Abbadia Ardenga
Argiano
Corte dei Venti
Crocedimezzo
Fattoi
Grazia
Greppone Mazzi-Ruffino
Il Marroneto
Il Palazzone
La Melina
La Torre
La Velona
Mocali
San Giacomo
Talenti
Tenute del Cerro
Tenuta di Sesta
Tenute Silvio Nardi
Uccelliera
Val di Suga
Ventolaio
Villa I Cipressi
Crus Bourgeois
Albatreti
Agostina Pieri
Agricola Centolani
Banfi
Bartolo Giusti
Belpoggio
Bonacchi
Campi di Fonterenza
Capanne Ricci
Caprili
Castello Romitorio
Castiglion del Bosco
Cerbaia
Collina del Sole
Cordella
Cupano
Donatella Cinelli
Fanti
Fossacolle
Il Colle
La Fortuna
La Lecciaia
La Mannella
La Poderina
La Serena
Loacker (Corte Pavone)
Luce
Il Poggiolo
Madonna Nera
Máté
Piancornello
Pieve
Piombaia
Podere Brizio
Podere San Giacomo
Poggio Celsi
Poggio Il Castellare
Quercecchio
Renieri
San Filippo
Santa Giulia
Santa Lucia
Scopetone
Scopone
Tassi
Tenuta Buon Tempo
Tenuta La Fuga
Tenuta San Giorgio
Vigni Italiani da Sogno
Villa Le Prata

“La vendemmia 2010 a Montalcino è stata una delle migliori della memoria recente, e merita pienamente sia le 5 stelle che le sono state attribuite dal Conzorzio del Vino Brunello di Montalcino, sia il plauso della critica. Ma, come sempre accade nella più importante zona vinicola della Toscana, la qualità è tuto tranne che uniforme, non solo a causa delle differenze climatiche tra sottozone ma soprattutto grazie alla mano dell’uomo”. Così Tim Atkin, …, nella sua classifica annuale delle migliori etichette di Brunello di Montalcino.
Focus – Le etichette premiate
First Growths

Case Basse (Gianfranco Soldera)
Cerbaiona
Lisini
Pian dell’Orino
Poggio di Sotto
Salvioni
Stella di Campalto
Second Growths
Altesino
Biondi Santi
Caparzo
Collemattoni
Costanti
Fuligni
Gianni Brunelli
Il Paradiso di Frassina
Le Ragnaie
Mastrojanni
Pieve Santa Restituta (Gaja)
Salicutti
Siro Pacenti
Valdicava
Third Growths
Barbi
Campogiovanni
Canalicchio (Franco Pacenti)
Casanova di Neri
Ciacci Piccolomini
Fornacella
Fornacina
La Fiorita
Le Chiuse
Le Gode
Le Potazzine (Gorelli)
Poggio Antico
San Polino
Terralsole
Fourth Growths
Canalicchio di Sopra
Capanna
Casa Raia
Castelgiocondo (Frescobaldi)
Col d’Orcia
Collosorbo
Il Poggione
La Gerla
La Magia
Lambardi
Paradisone
Pian delle Vigne
Podere Le Ripi
Querce Bettina
San Polo
Sassodisole
Sesta di Sopra
Sesti
Terre Nere
Fifth Growths
Abbadia Ardenga
Argiano
Corte dei Venti
Crocedimezzo
Fattoi
Grazia
Greppone Mazzi-Ruffino
Il Marroneto
Il Palazzone
La Melina
La Torre
La Velona
Mocali
San Giacomo
Talenti
Tenute del Cerro
Tenuta di Sesta
Tenute Silvio Nardi
Uccelliera
Val di Suga
Ventolaio
Villa I Cipressi
Crus Bourgeois
Albatreti
Agostina Pieri
Agricola Centolani
Banfi
Bartolo Giusti
Belpoggio
Bonacchi
Campi di Fonterenza
Capanne Ricci
Caprili
Castello Romitorio
Castiglion del Bosco
Cerbaia
Collina del Sole
Cordella
Cupano
Donatella Cinelli
Fanti
Fossacolle
Il Colle
La Fortuna
La Lecciaia
La Mannella
La Poderina
La Serena
Loacker (Corte Pavone)
Luce
Il Poggiolo
Madonna Nera
Máté
Piancornello
Pieve
Piombaia
Podere Brizio
Podere San Giacomo
Poggio Celsi
Poggio Il Castellare
Quercecchio
Renieri
San Filippo
Santa Giulia
Santa Lucia
Scopetone
Scopone
Tassi
Tenuta Buon Tempo
Tenuta La Fuga
Tenuta San Giorgio
Vigni Italiani da Sogno
Villa Le Prata

“La vendemmia 2010 a Montalcino è stata una delle migliori della memoria recente, e merita pienamente sia le 5 stelle che le sono state attribuite dal Conzorzio del Vino Brunello di Montalcino, sia il plauso della critica. Ma, come sempre accade nella più importante zona vinicola della Toscana, la qualità è tuto tranne che uniforme, non solo a causa delle differenze climatiche tra sottozone ma soprattutto grazie alla mano dell’uomo”. Così Tim Atkin, …, nella sua classifica annuale delle migliori etichette di Brunello di Montalcino.
Focus – Le etichette premiate
First Growths

Case Basse (Gianfranco Soldera)
Cerbaiona
Lisini
Pian dell’Orino
Poggio di Sotto
Salvioni
Stella di Campalto
Second Growths
Altesino
Biondi Santi
Caparzo
Collemattoni
Costanti
Fuligni
Gianni Brunelli
Il Paradiso di Frassina
Le Ragnaie
Mastrojanni
Pieve Santa Restituta (Gaja)
Salicutti
Siro Pacenti
Valdicava
Third Growths
Barbi
Campogiovanni
Canalicchio (Franco Pacenti)
Casanova di Neri
Ciacci Piccolomini
Fornacella
Fornacina
La Fiorita
Le Chiuse
Le Gode
Le Potazzine (Gorelli)
Poggio Antico
San Polino
Terralsole
Fourth Growths
Canalicchio di Sopra
Capanna
Casa Raia
Castelgiocondo (Frescobaldi)
Col d’Orcia
Collosorbo
Il Poggione
La Gerla
La Magia
Lambardi
Paradisone
Pian delle Vigne
Podere Le Ripi
Querce Bettina
San Polo
Sassodisole
Sesta di Sopra
Sesti
Terre Nere
Fifth Growths
Abbadia Ardenga
Argiano
Corte dei Venti
Crocedimezzo
Fattoi
Grazia
Greppone Mazzi-Ruffino
Il Marroneto
Il Palazzone
La Melina
La Torre
La Velona
Mocali
San Giacomo
Talenti
Tenute del Cerro
Tenuta di Sesta
Tenute Silvio Nardi
Uccelliera
Val di Suga
Ventolaio
Villa I Cipressi
Crus Bourgeois
Albatreti
Agostina Pieri
Agricola Centolani
Banfi
Bartolo Giusti
Belpoggio
Bonacchi
Campi di Fonterenza
Capanne Ricci
Caprili
Castello Romitorio
Castiglion del Bosco
Cerbaia
Collina del Sole
Cordella
Cupano
Donatella Cinelli
Fanti
Fossacolle
Il Colle
La Fortuna
La Lecciaia
La Mannella
La Poderina
La Serena
Loacker (Corte Pavone)
Luce
Il Poggiolo
Madonna Nera
Máté
Piancornello
Pieve
Piombaia
Podere Brizio
Podere San Giacomo
Poggio Celsi
Poggio Il Castellare
Quercecchio
Renieri
San Filippo
Santa Giulia
Santa Lucia
Scopetone
Scopone
Tassi
Tenuta Buon Tempo
Tenuta La Fuga
Tenuta San Giorgio
Vigni Italiani da Sogno
Villa Le Prata

“La vendemmia 2010 a Montalcino è stata una delle migliori della memoria recente, e merita pienamente sia le 5 stelle che le sono state attribuite dal Conzorzio del Vino Brunello di Montalcino, sia il plauso della critica. Ma, come sempre accade nella più importante zona vinicola della Toscana, la qualità è tuto tranne che uniforme, non solo a causa delle differenze climatiche tra sottozone ma soprattutto grazie alla mano dell’uomo”. Così Tim Atkin, …, nella sua classifica annuale delle migliori etichette di Brunello di Montalcino.
Focus – Le etichette premiate
First Growths

Case Basse (Gianfranco Soldera)
Cerbaiona
Lisini
Pian dell’Orino
Poggio di Sotto
Salvioni
Stella di Campalto
Second Growths
Altesino
Biondi Santi
Caparzo
Collemattoni
Costanti
Fuligni
Gianni Brunelli
Il Paradiso di Frassina
Le Ragnaie
Mastrojanni
Pieve Santa Restituta (Gaja)
Salicutti
Siro Pacenti
Valdicava
Third Growths
Barbi
Campogiovanni
Canalicchio (Franco Pacenti)
Casanova di Neri
Ciacci Piccolomini
Fornacella
Fornacina
La Fiorita
Le Chiuse
Le Gode
Le Potazzine (Gorelli)
Poggio Antico
San Polino
Terralsole
Fourth Growths
Canalicchio di Sopra
Capanna
Casa Raia
Castelgiocondo (Frescobaldi)
Col d’Orcia
Collosorbo
Il Poggione
La Gerla
La Magia
Lambardi
Paradisone
Pian delle Vigne
Podere Le Ripi
Querce Bettina
San Polo
Sassodisole
Sesta di Sopra
Sesti
Terre Nere
Fifth Growths
Abbadia Ardenga
Argiano
Corte dei Venti
Crocedimezzo
Fattoi
Grazia
Greppone Mazzi-Ruffino
Il Marroneto
Il Palazzone
La Melina
La Torre
La Velona
Mocali
San Giacomo
Talenti
Tenute del Cerro
Tenuta di Sesta
Tenute Silvio Nardi
Uccelliera
Val di Suga
Ventolaio
Villa I Cipressi
Crus Bourgeois
Albatreti
Agostina Pieri
Agricola Centolani
Banfi
Bartolo Giusti
Belpoggio
Bonacchi
Campi di Fonterenza
Capanne Ricci
Caprili
Castello Romitorio
Castiglion del Bosco
Cerbaia
Collina del Sole
Cordella
Cupano
Donatella Cinelli
Fanti
Fossacolle
Il Colle
La Fortuna
La Lecciaia
La Mannella
La Poderina
La Serena
Loacker (Corte Pavone)
Luce
Il Poggiolo
Madonna Nera
Máté
Piancornello
Pieve
Piombaia
Podere Brizio
Podere San Giacomo
Poggio Celsi
Poggio Il Castellare
Quercecchio
Renieri
San Filippo
Santa Giulia
Santa Lucia
Scopetone
Scopone
Tassi
Tenuta Buon Tempo
Tenuta La Fuga
Tenuta San Giorgio
Vigni Italiani da Sogno
Villa Le Prata

“La vendemmia 2010 a Montalcino è stata una delle migliori della memoria recente, e merita pienamente sia le 5 stelle che le sono state attribuite dal Conzorzio del Vino Brunello di Montalcino, sia il plauso della critica. Ma, come sempre accade nella più importante zona vinicola della Toscana, la qualità è tuto tranne che uniforme, non solo a causa delle differenze climatiche tra sottozone ma soprattutto grazie alla mano dell’uomo”. Così Tim Atkin, …, nella sua classifica annuale delle migliori etichette di Brunello di Montalcino.
Focus – Le etichette premiate
First Growths

Case Basse (Gianfranco Soldera)
Cerbaiona
Lisini
Pian dell’Orino
Poggio di Sotto
Salvioni
Stella di Campalto
Second Growths
Altesino
Biondi Santi
Caparzo
Collemattoni
Costanti
Fuligni
Gianni Brunelli
Il Paradiso di Frassina
Le Ragnaie
Mastrojanni
Pieve Santa Restituta (Gaja)
Salicutti
Siro Pacenti
Valdicava
Third Growths
Barbi
Campogiovanni
Canalicchio (Franco Pacenti)
Casanova di Neri
Ciacci Piccolomini
Fornacella
Fornacina
La Fiorita
Le Chiuse
Le Gode
Le Potazzine (Gorelli)
Poggio Antico
San Polino
Terralsole
Fourth Growths
Canalicchio di Sopra
Capanna
Casa Raia
Castelgiocondo (Frescobaldi)
Col d’Orcia
Collosorbo
Il Poggione
La Gerla
La Magia
Lambardi
Paradisone
Pian delle Vigne
Podere Le Ripi
Querce Bettina
San Polo
Sassodisole
Sesta di Sopra
Sesti
Terre Nere
Fifth Growths
Abbadia Ardenga
Argiano
Corte dei Venti
Crocedimezzo
Fattoi
Grazia
Greppone Mazzi-Ruffino
Il Marroneto
Il Palazzone
La Melina
La Torre
La Velona
Mocali
San Giacomo
Talenti
Tenute del Cerro
Tenuta di Sesta
Tenute Silvio Nardi
Uccelliera
Val di Suga
Ventolaio
Villa I Cipressi
Crus Bourgeois
Albatreti
Agostina Pieri
Agricola Centolani
Banfi
Bartolo Giusti
Belpoggio
Bonacchi
Campi di Fonterenza
Capanne Ricci
Caprili
Castello Romitorio
Castiglion del Bosco
Cerbaia
Collina del Sole
Cordella
Cupano
Donatella Cinelli
Fanti
Fossacolle
Il Colle
La Fortuna
La Lecciaia
La Mannella
La Poderina
La Serena
Loacker (Corte Pavone)
Luce
Il Poggiolo
Madonna Nera
Máté
Piancornello
Pieve
Piombaia
Podere Brizio
Podere San Giacomo
Poggio Celsi
Poggio Il Castellare
Quercecchio
Renieri
San Filippo
Santa Giulia
Santa Lucia
Scopetone
Scopone
Tassi
Tenuta Buon Tempo
Tenuta La Fuga
Tenuta San Giorgio
Vigni Italiani da Sogno
Villa Le Prata