Il Consorzio del Brunello lancia la nuova App

Presentata in occasione dei 50 anni del Consorzio nell’incontro con il fondatore di “Vivino” Heini Zachariassen, la App fornisce informazioni dettagliate sulle aziende vinicole, i vigneti, le tipologie di vini prodotti e altre informazioni utili a scoprire questa zona del centro Italia.
L’applicazione “Brunello”, voluta dal Consorzio per fornire ad appassionati, curiosi e turisti un nuovo strumento per scoprire il territorio di Montalcino è scaricabile gratuitamente dalla homepage del sito del Consorzio www.consorziobrunellodimontalcino.it e dagli store Apple ed Android.
“Con il nostro impegno a sostegno di questo progetto – commenta il Presidente del Consorzio Patrizio Cencioni – il Consorzio conferma il proprio impegno a supportare, valorizzare e incentivare lo sviluppo turistico di Montalcino. Il Brunello è un volano fondamentale per spingere questo territorio verso una continua crescita in termini turistici e i numeri degli ultimi anni dimostrano che siamo sulla strada giusta”.
Solo nel 2016 il flusso turistico a Montalcino ha infatti registrato +20% di presenze, passando dal milione dell’anno scorso ai 1.200.000 di persone di quest’anno, mentre i pernottamenti sono stati oltre 135.000.
“La digitalizzazione del territorio – spiega Marco Antoni della società Copernico che ha realizzato la App – è la nuova frontiera su cui si stanno spostando gli orizzonti della promozione turistica, ma anche della gestione aziendale attraverso le nuove piattaforme di Smart Specialisation e di High-tech farming”.
L’app “Brunello” ha molteplici potenzialità di sviluppo. A breve sarà integrata con informazioni che implementano il livello di conoscenza delle aziende del territorio e con dati e cartografie sull’aspetto turistico della zona, itinerari naturalistici, circuiti enogastronomici e l’offerta culturale.

Cantine Aperte, celebra i 25 anni con Vino & Fumetti

Saranno oltre 80 le cantine che domenica 28 maggio festeggeranno i 25 anni di Cantine Aperte aprendo le porte ai winelovers e la novità di quest’anno è la collaborazione tra il Movimento turismo del vino Toscana e la Scuola Internazionale di Comics di Firenze, con l’arrivo dei fumettisti nelle cantine. Grazie a questa partnership, infatti, la Scuola metterà a disposizione dei fumettisti che si divideranno nelle cantine aperte nell’ultima domenica di maggio. Ogni cantina avrà un artista diverso che racconterà attraverso le immagini il vino “a fumetti” per l’appunto. Un modo per coinvolgere il visitatore, ma anche per dimostrare che la comunicazione di questo grande prodotto, il vino, sta cambiando.
Oltre alle dimostrazioni artistiche dei fumettisti, le cantine che parteciperanno all’evento organizzeranno molte attività collaterali per fare da sfondo alle degustazioni. Dalla musica all’arte, dai giochi in campagna ai piatti tradizionali di ogni territorio.
Dieci le cantine di Brunello di Montalcino che partecipano all’iniziativa: da Casato Prime Donne a Casisano, da Castello Banfi a Castello Tricerchi, da Col d’Orcia a Col di Lamo, da Fattoria dei Barbi a Tenuta Il Poggione, da Tenute Silvio Nardi a Val di Suga.

Focus – Cantine Aperte a Montalcino, i Programmi
CASATO PRIME DONNE

Domenica 28 Maggio
4 Assaggi in 4 ambienti della cantina. Oltre a informazioni sul Brunello si racconta la storia di Montalcino attraverso gli affreschi. Nella nuova tinaia c’è una produzione in immagini reali e dipinte di Montalcino, capaci di trasmettere i suoni, le passioni e le tradizioni della gente di Montalcino. Gratuito
CASISANO
Domenica 28 Maggio dalle 10:00 alle 16:00
Visite guidate alla tenuta previste nei seguenti orari 10:30 – 12:00 – 14:00 – 15:00. Degustazione dei vini di Casisano Brunello e Rosso di Montalcino. Possibilità di Pic Nic con salumi e formaggi offerti (in caso di pioggia buffet nella sala degustazioni). € 5 per cauzione bicchiere. La cantina ospiterà un fumettista della Scuola Internazionale di Comics di Firenze.
CASTELLO BANFI
Domenica 28 Maggio
La nostra Enoteca Wine Bar sarà aperta con orario continuato dalle 10.00 alle 19.30 per degustazioni ed acquisti. Visite guidate della Cantina alle ore 11.00 – 12.00 – 16.00 – 17.00. La nostra Taverna sarà aperta per il pranzo con uno speciale menu degustazione “Cantine Aperte”. Visite guidate della cantina gratuite.
In Enoteca: 4 vini in degustazione gratuita con grana e grissini, gli altri a pagamento da listino. Degustazione “Sangiovese” 3 vini + Sapori del Castello al prezzo scontato di 25,00 Euro. Pranzo in Taverna con Menu Degustazione 3 portata con 3 vini al prezzo scontato di 65,00 Euro a persona. La cantina ospiterà un fumettista della Scuola Internazionale di Comics di Firenze.
CASTELLO TRICERCHI
La cantina ospiterà un fumettista della Scuola Internazionale di Comics di Firenze.
COL D’ORCIA
Domenica 28 Maggio
Col d’Orcia, produttore storico di Montalcino con certificazione biologica, apre le sue cantine agli appassionati cultori del vino. Gli ospiti sono accompagnati in un tour privato alla scoperta della tenuta e delle sue cantine. Il percorso svela i luoghi, gli uomini e le tecniche che rendono unico il Brunello di Montalcino e si conclude con la degustazione di alcuni dei vini più conosciuti della produzione aziendale. Visita guidata alla cantina e degustazione al banco enoteca € 10
COL DI LAMO
Domenica 28 Maggio dalle 10:30 alle 18:00
Degustazione dei vini Brunello di Montalcino, Rosso di Montalcino e IGT. Degustazione 2 vini (Rosso e Brunello) e visita alla cantina € 10. Degustazione 3 vini (Rosso, Brunello e IGT) e visita alla cantina € 15
FATTORIA DEI BARBI e MUSEO DEL BRUNELLO
Sabato 27 e Domenica 28 Maggio
La Fattoria dei Barbi si apre al tradizionale evento del Movimento Turismo del Vino e dà il benvenuto agli amanti del Brunello e del suo mito. Quest’anno giocheremo con “Vino e Fumetti” e la cantina ospiterà un’esposizione di vignette di Emilio Giannelli (il noto vignettista del Corriere della Sera) e il concorso di disegni sul tema con la partecipazione di tutti i visitatori che vorranno esporre le loro opere. Emilio Giannelli, nel pomeriggio del 28 Maggio p.v., vi accoglierà nelle nostre sale per salutare e premiare il vincitore della migliore vignetta esposta. Nelle giornate di Cantine Aperte verranno effettuate visite alla cantina di invecchiamento e museo a partire dalle ore 13:30 fio alle 18:00 con partenza per la visita ogni 30 minuti. Al termine della visita alla cantina di invecchiamento seguirà la degustazione dei nostri vini e olio. Per la Taverna dei Barbi menu alla carta e menu a buffet in cantina.
TENUTA IL POGGIONE
Domenica 28 Maggio
Tour guidato della cantina e degustazione dei vini dell’azienda. Gratuito
TENUTE SILVIO NARDI
Domenica 28 Maggio
Offriamo la visita guidata dei vigneti, della cantina e degustazione dei nostri vini. Per gli sportivi proponiamo il Trekking tra le vigne, durante il quale illustreremo le pratiche agronomiche, e le diversità dei nostri terroir. La visita si concluderà con una visita in cantina, dove verranno svelati i “segreti” che fanno del Brunello uno dei vini più famosi e celebrati al mondo, e con una piacevole degustazione di vini delle Tenute Silvio Nardi, seguito dal pranzo a buffet. Adatto anche alle famiglie con bambini (no passeggini). Consigliato l’uso delle scarpe comode. L’orario partenza trekking: alle 10:30 e alle 15:00. L’orario apertura per le visite: dalle 10:00 alle 18:00. La visita solo con la degustazione sarà gratuita. L’attività di trekking tra le vigne con il pranzo a buffet, costo € 15 a persona. Solo su prenotazione. Bambini gratis. La cantina ospiterà un fumettista della Scuola Internazionale di Comics di Firenze.
VAL DI SUGA
La cantina ospiterà un fumettista della Scuola Internazionale di Comics di Firenze.

Eroica Montalcino, una grande festa per il territorio

Grande festa nel territorio del Brunello nei giorni scorsi grazie a Eroica Montalcino, un vero e proprio festival che ha animato la città per tre giorni in attesa della corsa Eroica vera e propria. Gianni Mura, uno dei maestri del giornalismo sportivo italiano e Marco Pastonesi hanno ufficialmente inaugurato a Montalcino il Festival che caratterizza questa prima edizione di Eroica Montalcino. Un incontro con il pubblico che ha subito introdotto le atmosfere e le emozioni che fanno di Eroica e del suo Festival, diretto da Andrea Satta (voce dei tetes de Bois) un evento unico nel suo genere. Da domani ciclisti, appassionati e il pubblico delle grandi occasioni troveranno una Montalcino davvero suggestiva con le radiocronache dell’epoca diffuse in tutto il centro, le lampade vestite con le maglie degli eroi più amati, gli artisti, i giornalisti, i gregari, i giochi di strada e tutte le altre occasioni per rivivere le emozioni d’un tempo. Emozioni per questo immortali.
Protagonisti anche i bambini saranno protagonisti con un programma a loro interamente dedicato: il Tricicloraduno, il Circo El Grito, Il ciclotappo. Quindi i gregari che incontreranno sportivi e tifosi e che, per un week end, hanno dato i nomi alle piazze di Montalcino: Marzio Bruseghin, Idrio Bui, Pietro Campagnari, Paolo Fornaciari, Franco Mori, Primo Mori, Marcello Osler, Roberto Conti, Emilio Casalini ed Ercole Gualazzini.
Il mercatino eroico, con i suoi cimeli sempre più preziosi, aprirà di primo mattino. Poco dopo anche Eroica Caffè, quindi la ciclofficina d’arte. Da non perdere l’incontro con Sandro Donati, le cronache, le Strade Rosa, il teatro e l’orchestra Bottoni.
Durante il giorno letture di classici e del libro di Margherita Hack, “La mia vita in bicicletta”.
Ricche giornate di avvenimenti ed ospiti, per una suggestiva vigilia di Eroica Montalcino che ha visto, in abiti e biciclette d’epoca, 1200 ciclisti avventurarsi nella campagna di Montalcino e della Val d’Orcia.
Forse la forza travolgente di Eroica, che non conosce dunque confini geografici, sta proprio nella sua capacità di fare tendenza, movimento e cultura, creare valore, suscitare gioia e bellezza attraverso la fatica dei ciclisti, questi ultimi sempre più splendide icone di un tempo che guarda al passato per indicare ai giovani la strada da percorrere in futuro. Oltre agli statunitensi ed ai canadesi, tanto per rimanere in quel continente, per partecipare ad Eroica Montalcino sono giunti da tutta Europa e da tutta Italia.
Sono stati unanimi i consensi registrati all’arrivo: “Paesaggi magnifici e accoglienza straordinaria in tutto il territorio”: E’ questa la cifra finale di una splendida giornata di sport, sapori, profumi e colori. Quelli magnifici di un territorio, in gran parte protetto dall’Unesco e dalla Comunità Internazionale: “Siamo molto soddisfatti della felicità dei partecipanti a Eroica Montalcino – ha dichiarato Franco Rossi, responsabile dell’organizzazione – grazie a tutti quelli che si sono prodigati a tutti i livelli per poter dare accoglienza a chi è venuto a Montalcino per la prima edizione di Eroica”.
Giancarlo Brocci, ideatore dell’Eroica, felice perché ha visto crescere vertiginosamente il suo movimento che sta abbracciando sempre più l’intero ciclismo: solo dieci giorni fa si è svolta “Toscana Terre di Ciclismo” per corridori Under 23 con il successo dell’australiano Jai Hindley; seguita poi da Nova Eroica e oggi da Eroica Montalcino. Brocci, ormai è un uomo con la valigia sempre pronta: “Domenica prossima c’è Eroica Japan – dichiara Brocci – che vola verso i 500 partecipanti. Un successo straordinario. In pochissimi anni Aki Nakazawa ha creato in Giappone un bellissimo interesse per i valori di Eroica e per noi questo è motivo di grande orgoglio. La crescita di Eroica continua. Ovunque e in tutti i campi”.
“Ma dove vai bellezza in bicicletta?”. Molto probabilmente la più classica delle canzoni dedicate alla bicicletta, cantata da Silvana Pampanini nel 1951 durante un celeberrimo film di Carlo Campogalliani, passerà alla storia quale sigla del Festival che ha caratterizzato la prima edizione di Eroica Montalcino. Non tanto per il testo, che da oltre metà secolo gironzola per la testa degli italiani, quanto per l’interprete che, a sorpresa, si è cimentato su uno dei palchi, naturali, costruiti o inventati da Andrea Satta, il direttore artistico del Festival di Eroica Montalcino. A canticchiare-recitare il motivetto della Pampanini è stato Sergio Staino, uno degli intellettuali-autori più amati dagli italiani Si parlava di biciclette ed eroi insieme a Massimo Cirri e Marco Pastonesi quando sul palco, poco a poco, ha fatto la comparsa suonando l’orchestra Bottoni. A quel punto Staino si è interrotto ed ha iniziato a cantare e recitare il motivetto della Pampanini regalando una fortissima emozione agli spettatori, incantati da tanta magia.
Quella di Staino è solo uno dei momenti incantevoli che Andrea Satta (voce dei Tetes de Bois) ha regalato al Festival di Eroica Montalcino. La sua regia artistica, realizzata in collaborazione con Marco Pastonesi, ha creato l’atmosfera ideale per la pedalata dei ciclisti di Eroica Montalcino. Un festival di notevole spessore artistico-intellettuale che ha visto protagonisti, tra i tanti altri, Gianni Mura, i Tetes de Bois, Luigi Grechi De Gregori, Simone Cristicchi, Mario Tozzi, Giuseppe Cederna. Poi i giochi e circhi da strada, più o meno bagnati a causa del maltempo, dei ragazzi di quindici anni alle prese con la lettura di alcune pagine dell’Iliade di Omero. Poi tanto teatro e musica, suggestioni ed ustioni sia culturali, civili e sportive. Un gran bel festival, dunque, che ha permesso anche di rivivere le migliori radiocronache di un tempo. Giornalisti, commentatori, corridori che, per la bellezza delle imprese sportive dell’epoca, fanno impallidire il ciclismo di oggi.

Furti in cantina: i vertici di Carabinieri e Consorzio si incontrano

Dopo alcuni episodi che negli ultimi mesi hanno colpito i vignaioli di Montalcino, si è tenuto un incontro tra i vertici dell’Arma dei Carabinieri del senese e del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, che ha permesso di affrontare ed approfondire la reale consistenza del fenomeno dei furti nelle aziende produttrici di Brunello e di studiarne le migliori strategie di contrasto. Al termine è emersa una forte unità di intenti volta ad ottimizzare la sicurezza sul territorio attraverso una collaborazione fattiva, sinergica e costante tra tutti coloro che hanno a cuore la tutela economica e sociale di Montalcino.
Al pari delle attività investigative che sono demandate alle forze dell’ordine, va sempre rafforzata la funzione di prevenzione nella quale tutti gli attori, in primis le aziende, devono sentirsi parte attiva per accrescere i profili di sicurezza.
Come ha dichiarato il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Siena, Colonnello Giorgio Manca, infatti, “per contrastare il fenomeno dei furti nella aziende del territorio del Brunello è necessario rafforzare ancora di più la collaborazione tra le Forze dell’Ordine ed i produttori. L’opera di contrasto e prevenzione risulta più efficace se tutti collaborano – soggetti privati, aziende, enti locali e organi centrali – sempre più attivamente, contribuendo alla prevenzione ed al controllo del territorio con le Forze dell’Ordine, segnalando prontamente qualsiasi anomalia e situazioni sospette. Le aziende svolgono un ruolo importantissimo perché, in un territorio vasto come quello di Montalcino (24mila ettari,) la loro diffusione capillare – se efficacemente interconnessa con le forze di polizia del luogo – può rappresentare una rete di osservazione dei movimenti molto utile. Quindi è indispensabile che i produttori, oltre ovviamente a dotarsi di misure di sorveglianza e difesa passiva, segnalino senza indugio ai carabinieri della Compagnia di Montalcino comportamenti o presenze considerati non usuali per consentirci di intervenire con rapidità per verificare l’eventuale tentativo di infiltrazione di malintenzionati”.
Al Colonnello ha fatto eco Patrizio Cencioni, presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino dicendo: “accettiamo molto volentieri l’invito del Colonnello Manca. Al di là che quello dei furti è un fenomeno da monitorare bene perché ultimamente avviene con maggiore frequenza e mette in difficoltà i produttori, è per noi importante ribadire la sempre più stretta collaborazione che ci lega alle Forze dell’Ordine, che nel tempo hanno condotto uno splendido lavoro in termini di prevenzione e contrasto e che ci affiancano con successo su tutti i fronti della tutela del marchio e dei produttori stessi”.

“Vacanze Toscane” per Barack e Michelle Obama ?

Vacanze in terra toscana per Barack e Michelle Obama. L’ex presidente degli Stati Uniti si trova in Italia per partecipare al vertice internazionale sull’innovazione alimentare Seed&Chips, a Milano, ma dopo il lavoro, sarà tempo di vacanze per la coppia. Il tour toccherà anche la Toscana, dove, stando ad indiscrezioni non confermate (né dalle forze dell’ordine che saranno impegnate a garantire la sicurezza né, tantomeno, dalla direzione del resort che dovrebbe accogliere la coppia), gli Obama dovrebbero trascorrere qualche giorno a fine maggio a Borgo Finocchietto, villaggio nel comune di Buonconvento, di proprietà, dal 2001, dell’ex ambasciatore americano in Italia John Phillips, che lo scorso anno è stato accolto a Montalcino durante Benvenuto Brunello e ha fatto visita al padiglione del Consorzio del Brunello durante i giorni di Vinitaly 2017 a Verona. La località, esempio di quella campagna toscana divenuta ospitalità a cinque stelle, dista solo pochi chilometri da Montalcino. E non è un mistero che Obama abbia una passione per i vini italiani, come ebbe già modo di dimostrare in occasione della visita ufficiale a Washington di Matteo Renzi: l’ex premier portò in dono le etichette top della produzione italiana, tra cui proprio il Brunello di Montalcino, e Obama apprezzò promettendo ironicamente di “fornire un report sulla qualità delle bottiglie”. Chissà, allora, che l’ex presidente americano non colga questa occasione di relax privato in terra di Siena anche per scoprire qualche perla nelle cantine del Brunello?

Sangiovese Purosangue: Rosso di Montalcino secondo a nessuno

Uno dei vitigni storici e tra i più diffusi d’Italia, si racconta in uno degli eventi enoici promossi dall’Associazione EnoClub Siena, che si occupa della promozione dei vitigni autoctoni, particolarmente del Sangiovese di qualità: “Sangiovese Purosangue”. Nato nel 2012, l’evento ha come obiettivo quello di rendere omaggio ad uno dei vitigni più importanti del Bel Paese. Tra degustazioni e banchi d’assaggio, il protagonista assoluto della manifestazione sarà, giovedì 11 maggio all’Osteria del Treno di Milano, il Rosso di Montalcino. In degustazione durante il seminario condotto da Armando Castagno, prestigioso relatore AIS Milano, ben 18 etichette e, a seguire, saranno allestiti anche dei banchi d’assaggio per proseguire con la degustazione.

Focus – vini presentati al seminario
- Baricci – Rosso di Montalcino 2011
- Baricci – Rosso di Montalcino 2012
- Baricci – Rosso di Montalcino 2013
- Casisano Tommasi – Rosso di Montalcino 2015
- Col d’Orcia – Rosso di Montalcino 1998
- Fattoi – Rosso di Montalcino 2015
- Fattoria dei Barbi – Rosso di Montalcino 2015
- Il Marroneto – Rosso Madonna delle Grazie 2004
- Le Chiuse – Rosso di Montalcino 2008
- Le Potazzine – Rosso di Montalcino vecchia annata
- Le Ragnaie – Rosso di Montalcino 2009
- Lisini – Rosso di Montalcino 2015
- Pietroso – Rosso di Montalcino 2015
- Poggio di Sotto – Rosso di Montalcino 2014
- Querce Bettina – Rosso di Montalcino 2006
- Sanlorenzo – Rosso di Montalcino 2005
- Tiezzi – Rosso di Montalcino 2010
- Ventolaio – Rosso di Montalcino 2015