La biologa Federica Bertocchini vince il Premio Casato Prime Donne 2017

Il Premio Casato Prime Donne 2017 va alla biologa Federica Bertocchini e ai giornalisti Pietro di Lazzaro, Stefano Pancera e Vannina Patanè. Federica Bertocchini, 49 anni, biologa molecolare di Piombino, ha scoperto il bruco che mangia la plastica. Una scoperta capace di risolvere grossi problemi ambientali, soprattutto in mare dove c’è un’isola galleggiante di rifiuti grande come il Texas. Eppure, nonostante la scoperta, Federica da qualche mese è disoccupata a causa della mancanza d’investimenti nella ricerca. A Federica Bertocchini va il Premio Casato Prime Donne 2017. Lo ha deciso all’unanimità la giuria presieduta da Donatella Cinelli Colombini e composta da Rosy Bindi, Anselma Dell’Olio, Anna Pesenti, Stefania Rossini, Anna Scafuri e Daniela Viglione.
Insieme a lei, nelle sezioni giornalistiche e fotografiche, riservate a chi ha meglio divulgato Montalcino e i suoi vini, vincono Pietro di Lazzaro per il servizio televisivo dedicato al 50° anniversario del Consorzio del Brunello del TG3 RAI, Stefano Pancera per il pezzo intitolato ‘Il futuro del vino italiano nelle mani dei giovani’ trasmesso da Mattino 5 Mediaset e Vannina Patanè per l’articolo ‘Montalcino acqua e vino’ pubblicato in “In Viaggio” di Aprile 2017. Ad essi si aggiungerà l’autore della migliore foto dei territori dei vini Brunello e Orcia che verrà scelto nel mese di agosto fra 5 finalisti da una giuria popolare attraverso il voto online.

Cos’è il Premio Casato Prime Donne
Il premio Casato Prime Donne è nato nel 1999 come sviluppo del premio Barbi Colombini. Si svolge ogni anno a Montalcino e valorizza i migliori contributi giornalistici e fotografici riguardanti il territorio e il vino Brunello. Fra i vincitori i più importanti giornalisti e fotografi e le principali testate nazionali e internazionali.
La giuria presieduta da Francesca Colombini sceglie ogni anno un personaggio femminile che si è particolarmente distinto per coraggio ed eticità di comportamenti e che, con il suo impegno, ha valorizzato la presenza femminile nella società e nel lavoro. Il bando di concorso è diviso in cinque sezioni; per quattro di esse il vincitore è designato dalla giuria del Premio mentre le fotografie sono sottoposte al voto di una giuria virtuale, via web. I vincitori ricevono, oltre al denaro, bottiglie di Brunello e la possibilità di soggiornare per una settimana in agriturismo; un’opportunità che per molti giornalisti, soprattutto esteri, si è consolidata in un legame permanente con il territorio.
La cerimonia del 19° Premio Casato Prime Donne avrà luogo domenica 17 settembre 2017 alle 10,30 nel Teatro degli Astrusi di Montalcino.

Vincitrici delle passate edizioni:
2004 – Kerry Kennedy diritti umani
2005 – Congregazione delle Missionarie del S. Cuore di Gesù
2006 – Volontarie del Telefono Rosa
2007 – Frances Mayes, scrittrice
2008 – Josefa Idem, atleta olimpionica
2009 – Ilaria Capua – virologa Deputata al Parlamento italiano
2010 – Samantha Cristoforetti, astronauta
2011 – Carla Fendi, stilista e mecenate della cultura
2012 – Maria Carmela Lanzetta, ex sindaco di Monasterace e attuale Ministro degli affari regionali
2013 – Linda Laura Sabbadini Dirigente ISTAT autrice di indagini sulla violenza sulle donne
2014 – Sandra Savaglio astrofisico di fama internazionale rientrata in Italia per insegnare all’Università di Cosenza
2015 – Giusy Nicolini Sindaco di Lampedusa e Linosa in prima linea nell’accoglienza dei profughi
2016 – Chaimaa Fatihi attivista contro il terrorismo

Comments are closed.