Richard Parsons: “I’m a big Brunello fan”

“I love the wine, I love the place, I love the food, I love the people” così Richard Parsons, ex presidente di Citi e TimeWarner, oggi nel collegio della commissione bipartisan sui dibattiti presidenziali americani, ai microfoni della Montalcinonews, durante l’inaugurazione della sua nuova cantina, ha spiegato le motivazioni che, nel 2003, lo hanno spinto ad acquistare l’azienda Palazzone di Montalcino e ad aggiungere, al suo già ricco e vivace Curriculum Vitae, la qualifica di vigneron di Brunello. E così Parsons è arrivato a Montalcino per essere presente al taglio del nastro della sua nuova cantina, curata fin nei minimi dettagli e che rigorosamente si attiene alle leggi della bioarchitettura.
Perchè ha scelto proprio Montalcino per acquistare una cantina?
“Perchè Montalcino, a mio parere, è il più bel territorio che esiste. Amo molto la Toscana e Montalcino rappresenta ciò che di più bello vi si possa trovare. La sua gente è meravigliosa, il suo paesaggio è meraviglioso e il suo vino è il migliore al mondo. Sono uno dei più grandi fan del Brunello e adoro questo territorio, i paesaggi, le persone e il cibo, ed è per questo che ho scelto di acquistare una cantina qui”.
Cosa le piace di questa città?
“Hai mai visto al tramonto il panorama che si vede da qui?”
Come descriverebbe il suo vino?
“Tutti i Brunello sono potenti, molto eleganti e vi si respira e assapora il territorio. Ho un figlio che la prima volta che ha assaggiato il Brunello mi ha detto che sembra di bere la terra da cui proviene. Il mio è fruttato ma parla della terra da cui nasce”.
Un vino dalle caratteristiche interessanti, il Brunello di Richard Parsons: etereo, austero ed elegante sono gli aggettivi che meglio lo definiscono. Cantina piccola, il Palazzone: possiede, infatti, soltanto 5 ettari vitati a “Brunello” e ha una produzione che va dalle 6 alle 12.000 bottiglie: “qui si punta soprattutto sulla qualità e non sulla quantità”, spiega Laura Gray, che, tra le altre mansioni, si occupa del marketing dell’azienda, lanciando un progetto 2.0 per la comunicazione della cantina. Un nuovo modo di comunicare, attraverso i social media, e, il Palazzone, per primo in Italia, può vantare di aver inserito il proprio Id di twitter direttamente sulla bottiglia, in etichetta.

Guarda il video

Lascia un Commento