Consorzio del Brunello: “Istituzione a difesa dei valori agroalimentari italiani”

È il Gruppo del Gusto dell’Associazione della Stampa Estera (119 soci di 30 paesi) – nato nel 2002 per rendere più organica la copertura giornalistica del settore agroalimentare italiano e far conoscere ai lettori stranieri le realtà enogastronomiche più autentiche – a premiare, anche quest’anno, gli uomini e le donne che hanno contribuito a svelare le anime della tradizione agroalimentare italiana, e, per l’edizione 2012, sono cinque gli imprenditori a salire sul podio.
Il Consorzio del Brunello di Montalcino si aggiudica l’alloro come ”Istituzione a difesa dei valori agroalimentari italiani”, al Pastificio Luca da Corte Croera di Borca di Cadore (BL) va il riconoscimento per la categoria ”Produzione di particolare valore e significato”, mentre Oscar Farinetti, anima di Eataly, vince la sezione ”Divulgatore dell’autenticita’ italiana”. Per la categoria ”Ristorante che da oltre 100 anni appartenga alla stessa famiglia” c’è un ex-aequo tra il ristorante Filippino di Lipari e il Sibilla di Tivoli. “Non possiamo conoscere tutte le realtà italiane, è evidente -  spiega Alfredo Tesio, responsabile del Gruppo e corrispondente in Italia per la stampa danese – ma tra le tante con cui però siamo entrati in contatto, la scelta è caduta su quelle che più ci hanno impressionato e nelle quali abbiamo riconosciuto l’immagine di un’Italia che vorremmo continuasse ad esistere. Solo l’Italia puo’ vantare certe cose: in poche parti del mondo un ristorante rimane di proprietà della stessa famiglia per oltre un secolo”. L’ appuntamento con la premiazione è per questa sera presso la Citta’ del Gusto del Gambero Rosso a Roma.

Lascia un Commento