Vino, Resort e turismo: Massimo Ferragamo racconta Montalcino

“Non c’è altro posto in Toscana, la mia terra del cuore, che abbia una denominazione importante come il Brunello e difronte all’unione di questo vino con un paesaggio unico e irripetibile non puoi non appassionarti e … decidi di investire”. Così Massimo Ferragamo – presidente della Ferragamo Usa, la società che dagli anni Cinquanta si occupa di distribuire i prodotti del marchio nel Nord America – racconta alla Montalcinonews l’acquisizione in terra di Brunello. “Una realtà in crescita anche nel 2013, è quella del Resort di Castiglion del Bosco – prosegue – dove arrivano dai 12 ai 15.000 ospiti all’anno e che, durante la stagione, offre un impiego a 170-200 persone: qui siamo abituati ad una clientela straniera che vuol essere coccolata, per questo abbiamo creato una struttura in grado di esaudire ogni desiderio o esigenza”. Ma, da Massimo Ferragamo arriva anche un consiglio per Montalcino e la sua comunità: prendere esempio da realtà meno fortunate per incrementare il turismo: “la scommessa – dice – è quella di trovare attrattive che, insieme al Brunello, riescano ad invogliare non solo gli enoappassionati ma un turismo più ampio e differenziato”.

Lascia un Commento