“Sangiovese Purosangue”: il Brunello protagonista a Castelnuovo Berardenga

Una nuova e rinnovata edizione, quella di martedì 3 novembre 2015, di Sangiovese Purosangue, evento ideato ed organizzato dall’Associazione EnoClub Siena che vuole rendere omaggio ad uno dei vitigni più storici ed importanti del Bel Paese, il Sangiovese appunto. Per la prima volta la manifestazione, che può già contare su diverse edizioni in giro per Italia, vedrà come dimora uno dei territori vitivinicoli che di questa uva ha fatto la sua ragione di essere. Sarà, infatti, il comune di Castelnuovo Berardenga, in provincia di Siena, nello splendido chiostro della Certosa di Pontignano, ad ospitare aziende provenienti dal centro Italia, per una kermesse animata da dibattiti e degustazioni, per un confronto diretto tra i vari territori e le diverse produzioni. Sarà il gruppo dei produttori del Classico della Berardenga ad accogliere nella propria sede istituzionale Sangiovese Purosangue e gli oltre 70 vignaioli che ne prenderanno parte. E, come poteva mancare il Brunello di Montalcino, definito da tutti il re di questo splendido quanto difficile vitigno.
Sangiovese Purosangue, da diversi anni, si sta impegnando per portare a compimento un progetto di valorizzazione del vitigno partendo dal nucleo del sangiovese toscano attraverso indagini e confronti con le altre zone vinicole italiane: Romagna in primis, ma anche Umbria, Lazio, con le rispettive sottozone e cru.
Attraverso convegni e banchi di assaggio, a Sangiovese Purosangue, si potranno apprezzare le diverse declinazioni territoriali, in purezza o con l’apporto di altri autoctoni. Le cantine di Brunello di Montalcino a partecipare sono: Baricci, Chiuse di Sotto, Col d’Orcia, Corte dei Venti, Fattoria dei Barbi, Fattoria del Pino, Fonterenza, Ferrero, Il Colle, Il Marroneto, La Fornace, Le Chiuse, Le Potazzine, Le Ragnaie, Paradiso di Manfredi, Pietroso, Piombaia, Podere San Giacomo, Sanlorenzo, Sesti, Tiezzi, Tornesi e Ventolaio.
Si comincerà alle ore 11, in Sala Bracci, con il convegno, riservato a produttori, tecnici e responsabili aziendali, “Dematerializzazione Registri ICQRF e Certificazione Vini DOP: l’impatto sugli attuali processi aziendali”, in cui interverranno Michele Fino, docente legislazione vitivinicola Università degli Studi di Pollenzo, e Massimo Marietta, Responsabile Sviluppo Enologia in Sistemi Spa. Dalle 11 alle 17 operatori e giornalisti potranno accedere alla sala degustazione, con servizio sommelier, dove sarà possibile assaggiare tutte le etichette presenti.
Dalle 14.30 alle 17, invece, si terrà la seconda conferenza stampa (su prenotazione), sempre in Sala Bracci, con l’intervento di molti produttori che affronteranno varie tematiche, come la produzione del sangiovese, la sua storia e la fermentazione spontanea e la biodiversità microbica.
Dalle 17 alle 20 via ai banchi di assaggio, dove sarà possibile assaggiare i vini presenti e confrontarsi con i vignaioli coinvolti nel progetto Sangiovese Purosangue (costo degustazione 10 euro).
A corollario della giornata sul sangiovese, mercoledì 4 novembre si svolgerà a Siena una speciale, quanto unica, degustazione di 28 annate di Pergole Torte, dal 1980 al 2012, organizzata dall’EnoClub Siena, in collaborazione con l’azienda Montevertine.

Comments are closed.