Wine-Searcher: con Barolo e Brunello cresce il vino italiano

L’Italia, con la sua varietà vitivinicola, le sue regioni, i suoi vitigni e i suoi terroir, è riuscita, negli anni, con le sue 500 ed oltre Denominazioni che dalla Sicilia risalgono lo stivale fino ad arrivare alla Valle d’Aosta, ad affermarsi nei mercati di tutto il globo. Questo grazie a due dei vini più conosciuti e apprezzati nel mondo: Barolo e Brunello di Montalcino che, nonostante la crescita di molti terroir che caratterizzano il Belpaese, continuano ad attrarre attenzione. Da un’analisi di Wine-Searcher, uno dei più utilizzati motori di ricerca sui prezzi del vino (mette insieme i listini di oltre 52.000 punti vendita in tutto il mondo, per quasi 8 milioni di referenze), firmata da Don Kavanaghand e Giacomo Panicacci (www.wine-searcher.com), emerge che le ricerche degli utenti dedicate all’Italia sono cresciute del 37% dal 2013 ad oggi, in linea con la crescita totale di quelle del sito, passate dai 90 milioni del 2013 a 122,5 del 2015 (+36%). L’Italia è stato il terzo Paese più cercato sul database di Wine-Searcher, con 10,4 milioni di ricerche nel 2014 (il 14,4% del totale nel 2015, sul 13,95% di tre anni fa), nettamente distanziato dalla Francia, saldamente in testa con 33,6 miloni di ricerche, e dagli Stati Uniti, con 16,2 milioni (quarta la Spagna, con 3,45 milioni di ricerche).
Con gli Usa (dove l’Italia è leader in volume e valore tra i vini stranieri, con una quota di mercato in entrambi i parametri intorno al 30%) che pesano per il 44% di tutte le ricerche sui vini del Belpaese, seguiti dalla stessa Italia, e poi da Uk e Germania.
A livello di vini italiani, il Barolo è quello più gettonato, con 655.000 ricerche nel 2015, il 12,17% di tutte quelle dedicate al Belpaese (in crescita sul 10% del 2013, anche grazie al successo dell’annata 2010). Poi viene la categoria degli Igt Toscana (che comprende anche Supertuscan come Masseto, Tignanello e Solaia), al 12,14% (ma in calo sul 15% del 2013), seguita dal Brunello di Montalcino, al 10,3%, che però ha registrato una robusta crescita rispetto al 6,6% di inizio 2013, ancora una volta grazie al clamore mediatico suscitato dalla vendemmia 2010, e dai 100 punti assegnati da “The Wine Advocate” al Brunello di Montalcino Madonna delle Grazie 2010 de Il Marroneto e Tenuta Nuova 2010 di Casanova di Neri, e dall’“International Wine Report” al Brunello di Montalcino 2010 La Cerbaiola di Salvioni e al Brunello 2010 di Biondi Santi. Con le tre denominazioni che rappresentano oltre il 35% delle ricerche totali dedicate all’Italia.
Oltre a queste, l’unico territorio italiano che secondo Wine-Searcher è in crescita, in termini di ricerche, è la Valpolicella, al 4,7% sul totale del Belpaese, il suo massimo storico, grazie alla crescente popolarità dell’Amarone. Stessa percentuale dei vini di Bolgheri (di cui fanno parte anche nomi come Sassicaia e Masseto), che però in calo rispetto al 6,1% del 2013, sebbene i numeri assoluti siano in crescita.
Per il resto, spiega “Wine-Searcher”, il Chianti Classico tiene la sua posizione, intorno al 4% (mentre le ricerche per il Chianti sono diminuite del 40% nel 2015 sul 2014), così come la Sicilia, nel suo complesso, al 3,5%, ed il Barbaresco, al 3%.

Comments are closed.