Benvenuto Brunello: l’attesa.

L’attesa è il momento più vitale di un evento, si pregusta quando deve accadere, ci si immagina cosa succederà con mente fresca e rilassata: si respira un’aria frizzante a Montalcino, iniziano domani “Benvenuto Brunello” , quattro giorni che fanno della città ilcinese il centro del mondo vinicolo internazionale, con giornalisti e addetti ai lavori che la invaderanno pacificamente, alla scoperta del nuovo Brunello. Sembra quasi di sentire i profumi dei vini per le strade, si vive una piacevole tensione emotiva, solo con il pensiero dei prossimi giorni; già sulle tavole, stasera, inizierà la discussione tra giornalisti su come risulterà l’annata 2007, quale evoluzione ci sarà stata nella Riserva 2006, quali sorprese regalerà il Rosso di Montalcino 2010. Pensieri e parole in libera uscita, da domani si entra nella magica atmosfera fatta di sommelier che lavorano scattanti, bicchieri che tintinnano, vino versato e vino annusato, definizioni poetiche e roboanti, discussioni animate o colloqui pacati. Prima i giornalisti, poi gli operatori del settore, alla fine il responso: a tutti torna in mente la notte prima degli esami….